Manutenzione e ricambio della soluzione impianto Idro/Aeroponico – Flush radicale

Video prodotto ed editato da Garden West Growshop Milano

La nostra guida sulla coltivazione indoor prosegue oggi con la spiegazione dei passaggi da seguire per un corretto risciacquo degli impianti idroponici ed aeroponici.

Questa operazione è indispensabile per il corretto ciclo di coltivazione, perché consente di ridurre al minimo i rischi di attacchi batterici alle radici. Si consiglia di eseguirla ogni 2 settimane, ma senza l’utilizzo di prodotti specifici per lo scrostamento dei sali dalle radici.

Come prima operazione andiamo a svuotare il serbatoio. Nel caso di sistemi attivi a ricircolo, come questo, basterà utilizzare la pompa ad immersione già esistente, collegandola ad un tubo che andrà a scaricare l’acqua in un altro contenitore.

Visto che la pompa ad immersione non riesce ad aspirare gli ultimi centimetri di soluzione, andiamo a buttare dell’acqua nel serbatoio, andandolo poi nuovamente a svuotare, in maniera da rimuovere quanto più residuo possibile.
Se il risciacquo viene eseguito come normale amministrazione, andremo nuovamente a caricare il serbatoio secondo le indicazioni delle case di fertilizzanti scelti per la nostra coltivazione, mentre se viene fatto per eseguire correttamente il passaggio tra i fertilizzanti di vegetativa e di fioritura, o come risciacquo finale, dovremo utilizzare i prodotti specifici per la pulizia dei sali dalle radici.

In questo modo si iniziano a somministrare i fertilizzanti di fioritura, eliminando i residui dei nutrimenti precedentemente utilizzati per la fase di crescita vegetativa. Mentre eseguendolo una settimana prima del raccolto, si andranno ad eliminare i residui di sali dovuti alla costante fertilizzazione durante tutta la vita delle piante.
Questo tipo di risciacquo, eseguito con prodotti specifici per il risciacquo dei sistemi idro/aeroponici può risultare utile anche in caso di sovradosaggi.
Adesso andiamo a preparare la soluzione con il prodotto specifico per lo scrostamento dei Sali dalle radici, in questo caso il Kleen della GHE. Rispettando i parametri che ci indica la casa produttrice aggiungiamo il solvente all’acqua, controlliamo il PH e mettiamo la soluzione nel serbatoio, facendola girare per circa 6 ore, in maniera da rimuovere quanti più Sali possibili.

Ora andiamo a svuotare nuovamente il serbatoio, ripetendo successivamente l’operazione di riempimento con acqua pulita ed un nuovo svuotamento, in maniera da rimuovere il più possibile la soluzione col prodotto solvente.
Se il risciacquo viene effettuato quando si passa tra la fase vegetativa e la fase di fioritura, si andrà a riempire il serbatoio con la nuova soluzione nutritiva, preparata secondo quello che ci indicherà la casa produttrice dei fertilizzanti scelti per la specifica fase.

Nel caso in cui, invece, si stia effettuando il risciacquo finale, faremo girare l’acqua senza fertilizzanti per una settimana prima della raccolta.

Dì la tua!