Salvia – Una pianta dalle molteplici proprietà
08/05/2015
Le alghe nei sistemi idroponici e aeroponici
16/05/2015
Show all

“Veggie” il progetto a LED della NASA sulla Stazione Spaziale Internazionale

Veggie è una camera di crescita per piante a basso costo che utilizza un pannello a diodi che include LED rossi, blu e verdi per la coltivazione delle piante. L'esclusivo design pieghevole di Veggie permette il trasporto e lo stoccaggio, espandibile a seconda dello sviluppo delle piante al suo interno.

veggie_steveswansonUna camera di crescita per le piante, posta all’interno della capsula Dragon con destinazione la Stazione Spaziale Internazionale per la missione SpaceX-3 di rifornimento, potrà aiutare ad espandere le capacità di produzione alimentare in orbita in più di un modo e potrà offrire agli astronauti qualcosa che non possono dare per scontato, il cibo fresco.

Veg-01, esperimento della NASA, sarà utilizzato per studiare la funzione in orbita e le prestazioni di un nuovo impianto di crescita espandibile per piante chiamato “Veggie” e le sue piante poste in “cuscini”. Gli studi si concentreranno sulla crescita e lo sviluppo di “Outredgeous”, piantine di lattuga in ambiente di volo spaziale.

Veggie è una camera di crescita per piante a basso costo che utilizza un pannello a diodi che include LED rossi, blu e verdi per la coltivazione delle piante. L’esclusivo design pieghevole di Veggie permette il trasporto e lo stoccaggio, espandibile fino a un piede e mezzo a seconda dello sviluppo delle piante al suo interno.

La zona di produzione interna è ampia 11,5 pollici ed ha 14,5 pollici di profondità, il che la rende la più grande camera di crescita per piante nello spazio mai utilizzata fino ad oggi”, ha detto Massa.

L’Orbital Technologies Corporation (Orbitec) a Madison, Wis., ha sviluppato Veggie attraverso un innovativo programma di ricerca per piccole imprese. NASA e Orbitec con i loro ingegneri e collaboratori al Kennedy Space Center della NASA, in Florida, hanno lavorato per ottenere la certificazione di volo hardware dell’unità per l’uso sulla stazione spaziale.

Poiché lo spazio sulla stazione spaziale è limitato, sono state fatte alcune modifiche alla camera di crescita per soddisfare i requisiti. Al laboratorio “Spazio Life Sciences” di Kennedy, un raccolto di lattuga e ravanelli è stato coltivato in unità di prova come prototipo. Alcune piantine sono state collocate nei cuscini per l’apparato radicale su Veggie e la loro crescita è stata monitorata studiando la salute, la dimensione, la quantità di acqua utilizzata e i microrganismi che crescevano su di loro.

“Sono entusiasta di far parte del team di Veggie e Veg-01 e orgoglioso di tutto il lavoro che abbiamo fatto per prepararci al volo”, ha detto Massa. “Il nostro team è molto felice di vedere l’hardware in uso sulla stazione spaziale.”

Una spedizione di 39 ingegneri di volo e gli astronauti della NASA Steve Swanson e Rick Mastracchio, hanno installato Veggie nel modulo Columbus il 7 maggio scorso per velocizzare la sessione di esperimenti sulla Stazione Spaziale.

veg3

Indossando occhiali da sole, Swanson ha attivato le luci rosse, blu e verdi dei LED all’interno di Veggie l’8 maggio. Un tappeto di radici e sei piante “cuscini”, ciascuno contenente semi rossi di lattuga romana ‘Outredgeous’, sono stati inseriti nella camera. I cuscini hanno ricevuto circa 100 millilitri di acqua ciascuno per avviare la crescita delle piante. I soffietti a pieghe trasparenti circostanti Veggie, sono stati ampliati e attaccati alla parte superiore dell’unità.

 

All’interno di ogni cuscino pianta c’è un substrato di crescita che include del concime con erogazione controllata e un tipo di argilla calcinata utilizzato su campi da baseball. Questa argilla aumenta l’aerazione e favorisce la crescita delle piante.

Gli umani più lontano e più a lungo si allontanano dalla Terra, maggiore è la necessità di essere in grado di crescere le piante per il cibo, l’atmosfera e il riciclaggio donano grandi benefici psicologici”, ha detto Massa. “Penso che i sistemi vegetali diventeranno componenti importanti di qualsiasi scenario di esplorazione a lungo durata.”

Veggie potrebbe anche essere utilizzato dagli astronauti per le attività ricreative di giardinaggio durante le missioni spaziali di lunga durata. Il sistema può avere implicazioni per migliorare la crescita e la produzione di biomassa sulla Terra, beneficiandone così anche il cittadino medio.

veg1

Circa 24 ore dopo che Veggie è stato attivato sulla stazione spaziale, sulla Terra, i ricercatori “pseudo-astronauti” hanno attivato ​​cuscini vegetali identici nella camera di controllo del Simulatore Ambientale Kennedy. I ricercatori monitoreranno la crescita delle piante ed eseguiranno le stesse procedure che Swanson sta facendo sulla stazione spaziale.

“Le mie speranze sono che Veggie finirà per permettere all’equipaggio di crescere regolarmente e consumare verdure fresche”, ha detto Massa.

Sulla stazione spaziale, le piante Veg-01 cresceranno per 28 giorni. Le fotografie saranno prese settimanalmente e l’acqua sarà aggiunta periodicamente. Le aperture nel cuscino sono state aperte per aiutare le piantine ad emergere. Come le piante cresceranno, i cuscini saranno diradati a una pianta per cuscino e saranno prelevati campioni microbici per verificare eventuali microrganismi che possono essere in crescita sulle piante. Alla fine del ciclo, le piante saranno attentamente raccolte, congelati e conservati per la missione di ritorno SpaceX-4 entro la fine dell’anno.

Per il futuro, Massa ha detto che non vede l’ora di vedere tutti i tipi di carichi di cibo fresco nell’unità Veggie, espandendo la sua capacità di coltivazione nel momento in cui la NASA sarà certa della sicurezza alimentare dei prodotti coltivati in condizioni di microgravità.

By Linda Herridge
NASA’s Kennedy Space Center

Last Updated: May 10, 2015

————————————————————————————

Enrico Pionio – GiardinaggioIndoor.it

Link NASA

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *