AgruMi – un mondo di agrumi
15/12/2014
Soffio di primavera
19/01/2015
Show all

L’ecosistema in bottiglia, vivo e vegeto dal 1960

ecosistema in bottiglia

Iniziato nel 1960 e annaffiato per l’ultima volta nel 1972, è poi stato sigillato.giardino-in-bottiglia sigillata giardinaggio indoor

Lo scopo, perfettamente raggiunto, era di portare a termine un esperimento sull’autosufficienza di un ecosistema chiuso, che ricicla acqua, nutrimenti e acqua.

Il giardiniere dal pollice verde in questione è un ingegnere elettrico in pensione di nome David Latimer, di Cranleigh, Surrey, e alla sua impresa ha in realtà dedicato ben poco tempo.

Nella sua bottiglia ha messo una pianta ornamentale chiamata Tradescantia, detta anche ‘pianta miseria‘, una varietà indoor robusta e poco esigente. Vicino alla finestra, la pianta riceve i raggi solari e cresce tentando di raggiungerli: ruotando la bottiglia la crescita è omogenea.

Nessuna potatura, nessuna concimazione, niente: la totale autosufficienza di questo ecosistema lascia stupiti.

La fotosintesi avviene naturalmente, grazie al sole, e converte come ben sappiamo l’anidride carbonica in ossigeno. La parte più difficile è il riciclo dell’aria attraverso la decomposizione delle foglie che cadono sul terriccio: qui i batteri convertono l’ossigeno nuovamente in anidride carbonica. Le parti cadute dalla pianta diventeranno nuovi nutrienti.

Sempre grazie alla fotosintesi, si produce umidità dalle foglie, che si accumula poi sulle pareti di vetro, tornando infine nel terriccio.

L’intera vicenda è piuttosto casuale: il signor Latimer aveva visto in giro questi giardini in bottiglia, all’epoca piuttosto di moda, e avendo per lavoro a che fare con queste grosse bottiglie di vetro si è deciso a provare.

Ha ben ripulito il bottiglione, che conteneva acido solforico, ha inserito del terriccio e poi con un filo metallico ha ‘calato’ un seme. Ha innaffiato quindi una prima volta e poi una seconda anni dopo, nel 1972, prima di sigillare per sempre il suo giardino.

Altre foto e il video nell’articolo originale del Daily Mail

ecosistema in bottiglia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *