I colori della cannabis
31/01/2019
Intervista ad Andrea Carloni, founder di Nido Pro!
23/02/2019
Show all

Intervistiamo Francesco Costanza per conoscere meglio Linea-Herba!

Oggi vi raccontiamo di Fertek srl e della linea di fertilizzanti pensata per i coltivatori di canapa. L’azienda, a conduzione familiare, è situata nella “Campania Felix” e la sua fondazione risale al lontano 1983. Ci facciamo raccontare qualcosa in più dell’azienda e della loro nuova linea di fertilizzanti. Scambiamo qualche parola con Franesco Costanza, responsabile tecnico addetto allo sviluppo e sperimentazione delle nuove formule. Lui e le “nuove leve” di famiglia creano nel 2016 un team che unirà nuove idee e creatività all’esperienza consolidata di famiglia facendo nascere “Linea Herba” i fertilizanti fatti dai lombrichi! Proprio cosi!

Ciao Francesco!Raccontaci brevemente quanti siete in azienda a dedicarvi per la riuscita del progetto “Linea-Herba”.

Un saluto a tutti i lettori di giardinaggio indoor! Rispondo sempre con orgoglio a questa domanda! Siamo un team di 10 persone giovanissime composto da responsabile tecnico, commerciale, produzione, comunicazione, digital media, responsabile amministrativo, it specialist e un web designer. Non ci facciamo mancare proprio nulla!

Quanto pesa l’attenzione nei confronti dell’ambiente nel progetto “Linea-Herba”?

Tutti i nostri fertilizzanti sono a base di vermicompost e molti di questi sono certificati Bio. La qualità ed il rispetto della natura sono evidenti nelle nostre formule e il rispetto per l’ambiente è un punto centrale per la nostra azienda. Oggi più che mai la tutela dell’ambiente in cui viviamo deve necessariamente essere il fulcro su cui basare il proprio business.

In quale segmento di mercato siete maggiormente attivi e qual è il vostro principale focus?

Linea herba è una linea di fertilizzanti studiata e realizzata per un utilizzo specifico sulla coltura della canapa, anche se la loro formulazione li rende adatti per la maggior parte delle colture. Stiamo cercando di migliorarci giorno dopo giorno per offrire prodotti sempre più performanti e naturali.

A chi si rivolgono principalmente gli attuali prodotti linea-herba?

I fertilizzanti Linea Herba si rivolgono per quanto riguarda la clientela ai growers professionisti e sul fronte distribuzione ai grow shop.

Qual è la vostra mission e quali sono gli obiettivi nei confronti dei vostri clienti ?

La nostra mission è dare un contributo importante ad un mondo ed un mercato in grande espansione come quello della canapa, diventando  un punto di riferimento per tutti i growers che richiedono fertilizzanti funzionali e allo stesso tempo biologici. Inoltre lavoriamo continuamente sulla creazione di nuovi prodotti con l’obbiettivo di soddisfare le diverse richieste dei nostri clienti, esperti e alle prime armi.

Cosa più vi appassiona di questo lavoro?

Amiamo il fatto che il nostro staff è composto pressoché da ragazzi, con tanta energia e voglia di crescere. In più viaggiamo continuamente in giro per l’Italia e partecipiamo a tante fiere ed eventi divertenti, unendo piacere e dovere!  

Francesco, qual’e il prodotto che più di altri ha richiesto ricerca è sviluppo per il suo perfezionamento?

Il prodotto più complicato è stato sicuramente Herba Pro, la pura sospensione di vermicompost. La sua produzione richiede processi di lavorazione lunghi e molto delicati.

Restando concentrati sui vostri prodotti, c’è ne uno in particolare la cui riuscita ti ha particolarmente entusiasmato? 

A dire la verità mi hanno entusiasmato tutti i prodotti che ho creato quando in campo hanno dato risultati positivi, ma se devo dirne uno in particolare l’Herba Power mi ha reso particolarmente orgoglioso, perché ci ha dato, oltre al risultato previsto, ovvero quello di stimolare le radici e  migliorare la struttura del terreno, anche risultati totalmente inaspettati. Infatti abbiamo scoperto che il Power funziona benissimo come repellente naturale, sia a livello radicale che fogliare.

Francesco ti andrebbe di raccontarci brevemente come si configura il processo di realizzazione di prodotti performanti e che rispettano l’ambiente come i vostri? Qual’e laspetto più complicato?

Tutti i nostri prodotti, come dicevamo prima, hanno una componente organica unica, il vermicompost. Quindi il primo step è creare humus di lombrico, abbiamo diverse lettiere in aziende dedicate a questo. Una volta pronto lo trasformiamo in una sospensione liquida nera, attraverso procedimenti tecnologici e complicati messi a punto da noi. Una volta preparata la componente organica ci aggiungiamo macro e mircoelementi e/o amminoacidi, a diverse concentrazioni, a seconda del prodotto da fare.

La cosa più complicata sono i tempi lunghi, sia per la creazione del vermicompost sia per la fase di test sul campo. E’ molto importante dare attenzione alla sperimentazione ed accertarci che il prodotto funzioni al meglio. Questo richiede molto tempo ma i risultati ci hanno sempre ripagato!

Avete al momento qualche nuovo progetto nel cassetto che di cui ti piacerebbe darci una anticipazione?

Ne abbiamo tanti. Uno di questi è sicuramente quello di ampliare la rete commerciale dei grow shop ed il lancio di qualche nuova chicca per i coltivatori.

C’e qualche novità in particolare che vorreste svelare per questo 2019 appena inziato?

Come ti dicevo, sono diversi i progetti in ballo. Sul fronte prodotti, nello specifico ne lanceremo a breve uno particolarmente innovativo, poiché all’interno presenta, tra le varie cose, anche la Vitamina B12. E’ stato un po’ complicato creare la miscela ma una volta pronta, abbiamo riscontrato dei risultati in campo, specialmente in fase di fioritura, veramente incredibili.

Ci daresti un tuo consiglio sul miglior metodo per nutrire le nostre amate piante? Quali regole basilari devono tenere a mente i nostri utenti nel fornire i giusti nutrienti alle loro amiche verdi? 

Oltre alle classiche tecniche di coltivazione necessarie per un’ottima riuscita colturale come  controllare il ph della soluzione nutritiva prima e dopo la somministrazione, prestare attenzione alla conducibilità elettrica ecc, credo una cosa importante sia avere la giusta capacità e “sensibilità” di capire di cosa ha bisogno la pianta e di dargli il giusto nutrimento, senza esagerare concimando continuamente con la speranza di creare dei “mostri fuori dal comune”. Non bisogna stravolgere i normali processi naturali delle piante ma solo agevolarle e aiutarle nei momenti difficili.

Ringraziamo Francesco e tutto il suo team per il gran lavoro che stanno svolgendo! Aziende come Fertek aiutano tutti i giorni non solo i growers, ma anche l’ambiente, un esempio da imitare!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *