IKEA Space10 Farm – Colture idroponiche a base LED per la sostenibilità

IKEA Space10 Farm – Colture idroponiche a base LED per la sostenibilità

Usando lampade a base LED dall’orto idroponico RYDDA/VÄXER di IKEA, che sarà disponibile negli USA il prossimo anno, con dei buoni vecchi classici ripiani e dei bidoni di plastica, Space10 ha creato una farm nel seminterrato del proprio studio a Copenahagen.

IKEA e Space10 si uniscono per esplorare il futuro del cibo. La questione delle scorte di cibo è una delle principali minacce che il mondo deve affrontare,  e dato che IKEA è la settima catena di ristoranti più grande al mondo, è in una buona posizione per guidare il cambiamento.

Lo scorso anno c’è stata l’introduzione da parte di IKEA delle polpetta vegetariana, ora Space10 introduce “The Farm”, un orto idroponico adattato da IKEA che prova che il cibo può essere cresciuto direttamente all’interno del ristorante in cui viene servito.
The-Farm-Space10 ikea giardinaggio indoor (4)
Usando lampade a base LED dall’orto idroponico RYDDA/VÄXER  di IKEA, che sarà disponibile negli USA il prossimo anno, con dei buoni vecchi classici ripiani e dei bidoni di plastica, Space10 ha creato una farm nel seminterrato del proprio studio a Copenahagen.

Più dell’80 % dei materiali per creare la fattoria provengono direttamente da IKEA, modificati per adattarsi allo scopo, naturalmente. L’intero progetto mostra come tecnologia e natura si possano combinare per creare un futuro sostenibile: dai suoni degli uccelli che cinguettano, provenienti da un iPad nelle vicinanze (secondo un sondaggio le piante crescono meglio quando sono circondate dai suoni del loro habitat naturale), ai germogli verdi che fanno capolino dal loro substrato terroso.

 

Il trasporto e il reperimento di cibo ha un enorme impatto sulle risorse del pianeta. Tutto, incominciando dall’uso dei fertilizzanti all’abbattimento delle foreste pluviali , dalle migliaia di camion che percorrono milioni di chilometri di strada, ai rifiuti che viaggiano per la stessa distanza, ha un impatto deleterio sull’ambiente. Ma tutto ciò potrebbe cambiare se il cibo potesse essere coltivato proprio dove viene mangiato. Questo è particolarmente importante, dato che la nostra popolazione aumenta, mentre la superficie coltivabile sulla Terra sta finendo.

The-Farm-Space10 ikea giardinaggio indoor (5)4Space10 ha affrontato il quesito su come noi possiamo avere un impatto positivo sul pianeta da una diversa prospettiva. In origine, hanno accarezzato l’idea di creare un allarme per la doccia che ci fa sapere quando si è usata troppa acqua, finché non hanno constatato che non solo la doccia è uno dei pochi luoghi in cui siamo al riparo dalla tecnologia, ma anche che si dovrebbe evitare di fare la doccia per mesi per pareggiare l’acqua utilizzata in un hamburger.

 

 

Così hanno cambiato approccio e si sono chiesti come produrre un hamburger che fa risparmiare acqua. La soluzione? Gli insetti. Aggiungeteci insalate ed erbe aromatiche coltivate in loco, ed avrete trasformato un pasto americano non eco-sostenibile in uno con pochissimo impatto sul pianeta.

Durante una delle visite organizzate in farm, Space10 serve per pranzo ciò che viene coltivato sul posto. A ciascuno di viene dato un orto in miniatura dal quale cogliere quello che serve a condire a piacimento il “bug-burger” che viene servito, composto da tarme della farina, barbabietola e glutine, sorprendentemente gustoso grazie allo chef Simon Perez.  Accompagnato da un contorno di patatine fritte con sorpresa (anch’esse contenti insetti), il pasto dimostra come il cibo del futuro possa essere esteticamente bello, delizioso ed eco-sostenibile.

The-Farm-Space10 ikea giardinaggio indoor 9

 

Space10 spera di illustrare come l’approvvigionamento di cibo possa essere spinto in futuro, e la (nostra) padrona di casa Carla ha paragonato la situazione attuale al corpo umano: quando ci ammaliamo, mangiamo più sano, ci prendiamo più cura di noi stessi, facciamo attività fisica e facciamo del nostro meglio per sentirci meglio. Ora come ora, il pianeta è malato, e noi dobbiamo fare in modo di prendercene cura per farlo guarire.

 

 

 

—————————————–

Redazione – Giardinaggio Indoor.it

Dì la tua!