Autofiorenti – Origine, caratteristiche e varietà

Autofiorenti – Origine, caratteristiche e varietà

La varietà di semi “Autofiorente”, spesso chiamata semplicemente Auto, è un incrocio relativamente nuovo nel panorama mondiale delle tecnologie riguardanti i semi di cannabis.

Chiunque si avvicini per la prima volta al mondo della cannabis e alla coltivazione indoor, si trova di fronte prima o tardi al termine Autofiorente. Vediamo brevemente cosa significa, quali sono le caratteristiche di questa varietà e perché si è diffusa tanto in questi anni.

auto e regolari giardinaggio indoor

La varietà di semi “Autofiorente”, spesso chiamata semplicemente Auto, è un incrocio relativamente nuovo nel panorama mondiale delle tecnologie riguardanti i semi di cannabis. Quello che rende questi semi differenti però è il modo in cui affrontano il ciclo di crescita e maturazione passando da seme a pianta fiorita in circa 10 settimane indipendentemente dal fatto che vengano coltivati indoor, in serra o outdoor.

Ciò che viene fuori da questo breve ciclo di vita autofiorente è una pianta di modeste dimensioni ideale per angoli del giardino non eccessivamente battuti dal sole, serre o balconi cittadini. Le piante autofiorenti non assicurano gli stessi abbondanti raccolti delle grosse piante coltivate in un’estate di sole con 6 mesi di maturazione, tuttavia ci sono numerose varietà in grado di assicurare raccolti discreti, se paragonati al tempo impiegato per giungere a maturazione.

Le Auto hanno da subito destato l’interesse di tutta la comunità della cannabis sin dalla loro prima introduzione sul mercato.

Il termine “automatico” si riferisce al fatto che i semi autofiorenti non dipendono dalla diminuzione delle ore di luce (artificiali o naturali) per entrare nella fase di fioritura per produrre le infiorescenze. Questa varietà di cannabis è stata ottenuta introducendo la caratteristica unica della famiglia di piante di cannabis “Ruderalis”.

Autofiorente semi giardinaggio indoorLa Ruderalis in natura non è psicoattiva, ma in compenso ha la capacità unica di crescere e passare da seme a pianta matura in sole 10 settimane permettendogli di sopravvivere in ambienti climatici poco ospitali e nelle brevi e non molto calde stagioni tipiche del nord della Russia e del Canada del nord.

Scoperta questa caratteristica unica, il ceppo della Ruderalis è stato incrociato con molte delle più celebri varietà di cannabis al fine di ottenere degli strain psicoattivi che potessero maturare indipendentemente dalla stagione e dalle ore di luce.

Successivamente, le Autofiorenti sono state selezionate ancora una volta, per renderle “femminizzate”, ovvero per assicurare al coltivatore che ogni seme esprima esclusivamente il sesso femminile e quindi produca infiorescenze.

Le Auto hanno avuto un ruolo fondamentale nella coltivazione outdoor, ovvero in quei paesi dove le estati sono troppo corte e non in grado di assicurare 6-7 mesi di crescita. Coltivatori di ogni nazione hanno avuto modo di sperimentare questo tipo di pianta in grado di far avere fino a 3 raccolti all’anno laddove il clima lo permetta, come nelle zone del mediterraneo.

Ad oggi siamo giunti alla 4° generazione di piante autofiorenti, con strain molto stabili e produttivi sia outdoor che indoor.

Nell’attuale mercato dei semi autofiorenti si distinguono tre categorie di piante, sulla base del tempo di fioritura e delle dimensioni della stessa:
– varietà che maturano in circa 60 giorni, con un’altezza media di 50-60 cm e una resa di 25-30 grammi per pianta.

– varietà che maturano in 70-80 giorni, con un’altezza media di 130 cm e una resa di 50-100 grammi per pianta.

– varietà che maturano in 120 giorni, con un’altezza che varia da 1 a 2 metri e una resa di più di 100 grammi per pianta (attualmente di questa categoria ne esistono pochissime varietà).

Se coltivate in ambiente chiuso e con luce artificiale queste piante, poste sotto una lampada con un ciclo 20-4 (Luce-Buio) possono dare grandi raccolti e soddisfazioni enormi – semplici da coltivare, veloci e convenienti.

——————————————————————————————-

Redazione – Giardinaggio Indoor.it

Dì la tua!