Tuffatevi in un sistema idroponico Deep Water Culture (DWC) – I consigli di un esperto

Tuffatevi in un sistema idroponico Deep Water Culture (DWC) – I consigli di un esperto

Per i molti di voi che volessero passare dal livello di coltivatori principianti a quello di esperti e per i professionisti in cerca di una spinta, la DWC potrebbe essere il biglietto per un posto in prima fila nella coltivazione ad un livello professionale.
Di seguito i consigli di un guru della coltivazione e del commercio d’oltre oceano, Daniel Wilson MY., su come avviare un sistema di coltivazione idroponica Deep Water Culture.

DWC indoor gardening_HydroponicsWPlantLa stagione per l’outdoor sta giungendo al termine e molti grower iniziano a pensare come e con che metodo coltiveranno all’interno della propria growroom. Possiamo suggerirvi un sistema di coltura DWC? In molti utilizzano questo metodo di coltivazione e i suoi sostenitori aumentano di giorno in giorno. Ecco alcuni consigli per vivere al meglio la prima esperienza di Deep Water Culture.

La coltura DWC ha da sempre destato l’interesse sia di coloro che coltivano per hobby, sia di chi ha fatto della coltivazione indoor la propria professione; attualmente sta guadagnando ulteriore terreno grazie ai risultati diretti e ai consistenti raccolti derivati dalla sua applicazione. Se utilizzato nella maniera corretta, viene definito dai grower più esperti come il metodo “imbattibile”.

Dunque per i molti di voi che volessero passare dal livello di coltivatori principianti a quello di esperti e per i professionisti in cerca di una spinta, la DWC potrebbe essere il biglietto per un posto in prima fila nella coltivazione ad un livello professionale.

Di seguito i consigli di un guru della coltivazione e del commercio d’oltre oceano, Daniel Wilson MY., su come avviare un sistema di coltivazione idroponico DWC, che tradotto letteralmente significa “ad acque profonde”.

Il DWC è un metodo di coltivazione in cui le radici delle piante sono sospese liberamente in un grande volume di nutriente, acqua e ossigeno migliorando la loro capacità di assorbire i nutrimenti e rendendone più efficace la metabolizzazione. Il sistema incorpora pompe ad aria e pietre porose che lavorano a ciclo continuo per compensare l’ossigeno che altrimenti non raggiungerebbe le radici. Vediamo che succede più da vicino.

OSSIGENAZIONE

La Deep Water Culture richiede molta più ossigenazione degli altri metodi di coltivazione. Introducendo un aumento dei livelli di ossigeno nel serbatoio ha luogo la respirazione aerobica, un processo importante che rilascia l’energia necessaria all’assorbimento dei nutrienti e la crescita delle radici; se questo processo venisse inibito si avrebbe uno stress della pianta e una sensibile compromissione del raccolto futuro.

La combinazione di pompe per l’aria e pietre porose, è quella più diffusa e popolare per portare un livello di ossigenazione corretto all’interno del serbatoio, ciò nonostante è possibile impiegare solo una pompa per l’aria tralasciando le pietre porose.

Daniel W. consiglia comunque di utilizzare sempre la pompa e le pietre in combinazione perché queste ultime costringono le grandi bolle di ossigeno, strusciando nelle cavità porose delle pietre, a scindersi in tante piccole bollicine distribuendosi così in maniera molto più uniforme all’interno della soluzione nutriente. Inoltre, bolle più piccole permettono una più veloce permeazione all’interno della soluzione coprendo una superficie più grande rispetto alle bolle di grandi dimensioni.

dwc1giardinaggioindoor

 

 

 

 

FERTILIZZANTI

Come per le altre tipologie di sistemi idroponici, è importante avere un rigido programma di fertilizzazione per le vostre piante in DWC. “Quando la soluzione nutritiva viene organizzata nella maniera corretta, è più facile per i vegetali metabolizzare l’acqua e i sali minerali disciolti nella soluzione al fine di condurre la fotosintesi”, spiega Daniel W.. Fortunatamente i sistemi DWC fanno un uso efficace delle sostanze nutritive in dotazione. “Sia che vogliate evitare gli sprechi e l’inquinamento ambientale, sia che vogliate semplicemente ridurre l’inquinamento prodotto dal vostro sistema, la DWC assicura una crescita rapida e un’alta produttività che tradotto significa, ottimizzazione delle risorse”.

Utilizzare nutrienti ad elementi frazionati è il modo migliore per ottimizzare l’assorbimento dei fertilizzanti disciolti in un sistema DWC” continua Daniel W. “Alcuni preferiscono utilizzare meno prodotti possibile perché vogliono risparmiare acquistando fertilizzanti con elementi singoli solo in caso di necessità, questo però non è consigliabile sul lungo termine”.

Impiegare prodotti ad elementi singoli e miscelati in combinazione per un sistema idroponico, può creare un’alterazione della stabilità chimica dei fertilizzanti e portare a gravi conseguenze se non si conosce a fondo la composizione dei prodotti utilizzati, inoltre nel sistema Deep Water Culture le radici libere sono continuamente esposte ai fertilizzanti e quelli ad elementi differenziati sono in grado di fornire il nutrimento giusto al momento richiesto dalla pianta.

Daniel W. ricorda di somministrare alle vostre colture solo fertilizzanti altamente dissolubili al fine di rendere il più soddisfacente possibile l’esperienza con l’impianto DWC.

“La coltivazione idroponica dà il massimo di se quando vengono utilizzati nutrimenti non organici e altamente dissolubili, per coloro che utilizzassero comunque altre tipologie di fertilizzanti, è importante compensare.

L’acido ipocloroso ( HOCl ) è un agente ossidante mite che molti coltivatori usano per mantenere i loro sistemi in condizioni ottimali, questo perché lavora costantemente per slegare i prodotti a bassa solubilità.

Soluzioni in cui è disciolto HOCI non permettono alle radici di ammuffire, queste spesso tendono a marcire se sovraesposte a flussi di acqua con una scarsa ossigenazione; questo composto è utilizzato dalla gran parte dei grower insieme alla normale fertilizzazione al fine di mantenere il sistema in salute e pulito.DWC giardinaggio indoor

STABILITÁ

La parola stabilità può significare diverse cose quando si tratta di DWC, ad esempio le piante in Deep Water Culture crescono di più e con velocità maggiore rispetto ai sistemi idroponici tradizionali, perciò è importante essere preparati e predisporre sin dall’inizio una rete simile a quella utilizzata per coltivare i pomodori o un sistema scrog per tenere sotto controllo la crescita delle proprie colture.

L’ultima cosa che volete, è avere delle piante gigantesche e trovarle sradicate a causa del loro peso e quello dei loro frutti” dice Daniel W. “Essere previdenti installando dei supporti utili alla crescita delle vostre piante sarà il modo migliore per essere certi della buona riuscita del vostro raccolto”.

Un altro consiglio fondamentale, è tenere sempre sotto controllo il livello del pH della vostra soluzione, senza doverlo continuamente cambiare: un frequente cambiamento del pH può portare all’instabilità della soluzione nutritiva e alle problematiche ad essa connesse.

Ricordate come regola generale di mantenere in armonia il pH con il valore dell’EC.

Ci sono moltissime cose da imparare a tenere sott’occhio quando si approccia per la prima volta ad un sistema di coltivazione idroponica DWC e nonostante alcuni di questi sistemi richiedano un grande dispendio di energia e denaro, vi daranno grandissime soddisfazioni con l’esperienza, quindi seguite questi consigli per iniziare e non avrete grosse difficoltà.

———————————————————————————————————————————–

Enrico Pionio – GiardinaggioIndoor.it

  • Tratto da Daniel Wilson DWC Guide MY.

 

 

2 Comments on this Post

  1. Andreaajea

    Condivido sempre con piacere i vostri articoli! Grandi 🙂

  1. […] Tuffatevi in un sistema idroponico Deep Water Culture (DWC) – I consigli di un esperto – 16/… […]

Dì la tua!