Coltivare fragole nelle fragoliere

Coltivare fragole è facile e di soddisfazione: ecco come utilizzare i vasi detti fragoliere per ottenere fragole fresche dalla primavera all’autunno.

fragoliere in terracotta
Fragoliera in terracotta.
Fonte: www.terrecotteripabianca.net

Con la primavera alle porte si accende come ogni anno la voglia di fragole, meglio se coltivate in casa: sane ed economiche.

Anche chi ha poco spazio e poco pollice verde può ottenere buoni risultati, magari con un occhio all’estetica, impiegando un vaso da fragole detto appunto fragoliere.

Si tratta di vasi dalla forma allungata, a cilindro o ad anfora, con varie tasche lungo le pareti.

Esistono in ogni variante: in plastica, in terracotta, in porcellana, in materiali riciclati, e sono disponibili in ogni misura. I più abili li costruiscono in casa.

Nel scegliere la misura più adatta alle nostre dimore è bene ricordare non solo lo spazio a disposizione per le nostre fragole fatte in casa, ma anche che un vaso piccolo deve essere annaffiato più spesso. Gli sbadati sono avvisati.

Selezionando la tipologia di pianta invece attenzione alle esigenze di fotoperiodo, meglio per semplicità optare per una fragola rifiorente neutrodiurna, ovvero una pianta che fiorisca indipendentemente dalle ore di luce a disposizione: con un po’ di buona volontà e fortuna avrete fragole dalla primavera all’autunno.

Alcuni consigli:

 

 

 

fragoliere in plastica
Fragoliere in plastica.
Fonte: www.primrose-italia.eu

-I vasi di terracotta sono un po’ costosi e poco maneggevoli, ma molto belli. Attenzione però perchè tendono ad assorbire l’acqua del terreno: per evitarlo meglio immergerli un’oretta in acqua prima di mettere il terriccio.

-Per riempire le fragoliere mettete un primo strato di terriccio, fino a raggiungere le tasche più in basso. Poi mettete le piante e riempite le tasche attorno ad esse. Aggiungere altro terriccio solo se necessario.

-Anche i vasi per fragole, come tutti gli altri, hanno fori di drenaggio sul fondo; utilizzate una retina o biglie di argilla o altro materiale per evitare che il terriccio cada attraverso ai buchi.

-Cercate una posizione riparata e che riceva almeno 6 ore di sole al giorno per crescere le vostre piantine.

-Per annaffiare in maniera più omogenea potete adottare questo trucco: inserite nel terriccio al centro del vaso un tubo di pvc forellato col trapano, o qualcosa di simile. Versando l’acqua lentamente all’interno vi assicurerete che tutte le tasche ricevano l’acqua.

-Potete mettere piantine non solo nelle tasche ma anche in cima al vaso. Quando bagnate versate a filo sulla superficie superiore, nel tubo centrale e in ogni tasca.

Il terriccio deve essere ricco. Ne esistono di specifici in commercio, o potete cercare la vostra formula personale.

Le fragole hanno radici superficiali, e devono essere bagnate con costanza e continuità: se immergendo un dito nella terra fino alla prima nocca lo sentite asciutto, è ora di dar da bere alle piante.

Coltivare fragole è semplice, le regole sono le stesse che si applicano con la maggior parte delle altre piante: i frutti vanno raccolti appena maturi, e qualunque parte marcita, secca o alterata va rimossa immediatamente. Se si utilizza fertilizzante (e probabilmente sarà necessario), sceglierlo apposito per la coltivazione delle piante alimentari (mai usare quello delle piante ornamentali/d’appartamento).

La fragola è perenne, durante l’inverno mettete il vaso in una stanza riparata e non riscaldata, e alla primavera successiva potrete ricominciare dal principio: fragole a volontà!

 

 

 

 

 

 

Dì la tua!