Due giorni per l’Autunno a Castello Masino

“Due giorni per l’autunno”, mostra e mercato di piante e prodotti insoliti e speciali, a Castello Masino a Caravino (TO). Vivaisti, fiori antichi, aromatiche, officinali, rose.

Sabato 20 e domenica 21 ottobre 2012, dalle ore 9.30 alle 18, il Parco del Castello di Masino, a Caravino (TO), ospiterà l’ottava edizione della “Due giorni per l’autunno”, mostra e mercato di piante e prodotti insoliti e speciali in uno straordinario spettacolo di colori e di sapori autunnali, organizzata dal FAI – Fondo Ambiente Italiano sotto l’accurata regia dell’Architetto Paolo Pejrone, fondatore e Presidente dell’Accademia Piemontese del Giardino.

Anche quest’anno la manifestazione offrirà a tutti gli esperti o semplici appassionati di giardinaggio l’opportunità unica di ritrovarsi con oltre 130 tra i migliori vivaisti italiani ed europei, presenti a Masino con le loro collezioni di punta e interessanti novità. In questa stagione di rinnovi e preparazione per l’anno successivo, i visitatori potranno, quindi, documentarsi sulle piante e i fiori per il “giardino che verrà”, e acquistare rari e antichi prodotti dell’orto e del frutteto, abitualmente difficili da reperire.

Espositori altamente qualificati e specializzati proporranno piante a fioritura autunnale con bacche ornamentali; alberi e arbusti a colorazione autunnale; piante aromatiche e officinali, da frutta e da orto; bulbi, tuberi e rizomi a fioritura primaverile; sementi rare e rose a fioritura invernale, rose cinesi. E ancora: piante per giardini ombrosi, collezioni di lavanda, iris palustri; flora autoctona, piante di bambù e strutture in bambù per giardini; zucche ornamentali e commestibili; attrezzature per la cura del giardino, dell’orto e del frutteto; cesterie e vasi decorati; editoria specializzata e quadri con fiori pressati.

Saranno anche messi in vendita prodotti tipici dell’orto e del frutteto d’autunno, la maggior parte dei quali sono “presidi Slow Food” per via della loro eccezionale qualità e perché rispondono a criteri di stagionalità, tipicità territoriale e filiera corta. Tra questi fagioli e legumi, peperoni Cuore di bue di Carmagnola e peperone quadro di Cuneo; porri e rape bianche di Cervere; cardo gobbo di Nizza Monferrato; cardo bianco e cipolle gialle piatte di Andezeno; cavoli verza di Montalto Dora e cavolfiori di Moncalieri; ravanelli di Torino; patate blu e marroni della Val Susa e patate di montagna; mele Annurca di Benevento; noci di Sorrento e nocciole del Piemonte.

Nei due giorni di manifestazione sono inoltre in programma interessanti incontri e presentazioni di libri sul tema dei giardini e della cura del verde e divertenti laboratori per i bambini.
In più, sarà possibile effettuare visite guidate agli  interni del Castello di Masino a cura degli studenti e dei docenti dell’Istituto di Istruzione Superiore “Piero Martinetti” di Caluso.

Orario:
Sabato 20 e domenica 21 ottobre dalle ore 9.30 alle 18 (ultimo ingresso ore 17).

Ingresso alla manifestazione:
Adulti: € 7,00; Ragazzi (4-14 anni): € 4,50; Iscritti FAI: € 3,00; Residenti: gratuito.
Ingresso cumulativo manifestazione + visita al Castello:
Adulti: € 10,00; Ragazzi (4-14 anni): € 5,50; Iscritti FAI: € 3,00; Residenti: gratuito.

Aree di ristoro:
– Area attrezzata per ristorazione, adiacente alla mostra, con piatti caldi, menu tipici della locale tradizione canavesana.
-“Ristorante del Castello” presso il Salone Marchesa Vittoria, con menu stagionale (informazioni e prenotazioni 335.5204114).

Come arrivare:
Uscita consigliata per i visitatori provenienti dalla A4: Borgo d’Ale.
Uscita consigliata per i visitatori provenienti dalla A5: Albiano d’Ivrea.

Parcheggi:
Disponibilità di ampi parcheggi gratuiti nelle vicinanze della mostra.

Per informazioni: FAI – Castello di Masino tel. 0125.778100; faimasino@fondoambiente.it

Per maggiori informazioni sul FAI consultare il sito www.fondoambiente.it

Ufficio Stampa FAI:
Elisabetta Cozzi – tel. 02.467615220;  e.cozzi@fondoambiente.it

Dì la tua!