Tester pH Adwa: taratura e recensione

Tester ph ADWA ad11 recensione del misuratore del ph e istruzioni per la taratura dello strumento.

Se cercate uno strumento di semplice utilizzo ed affidabile per la misurazione del pH, ad un prezzo ragionevole, l’Adwa AD11 potrebbe essere una buona scelta.

Si tratta di un tester ph digitale waterproof con compensazione automatica della temperatura e calibrazione a 2 punti (ph 4 – ph 7 ), quindi già uno strumento di un certo livello anche se non proprio di fascia professionale.

Nel dettaglio:

La confezione è una scatoletta di cartone col marchio Adwa stampato su tutta la superficie (foto1) che ci dovrebbe garantire l’originalità del prodotto. All’interno troviamo il nostro tester, le bustine di liquido calibrante ( 1 x ph7 ed 1 x ph4), un pieghevole con le istruzioni purtroppo solo in inglese (foto 2).

tester ph adwa Lo strumento al tatto dà idea di robustezza, le plastiche sembrano buone e l’assemblaggio è ottimo. (foto 3)

Nella confezione è compresa anche una clip per fissarlo alla cintura che lascia un po’ perplessi (foto 4), una custodia in cui riporlo dopo l’uso sarebbe stata ben più utile.

Sulla parte frontale del tester di acidità troviamo il display e i 2 tasti per accedere alle funzioni (foto 5b).

All’accensione lo strumento fa un check del display di alcuni secondi (foto6) e poi entra in modalità misurazione del pH.

Lo strumento è già calibrato e pronto per essere usato, per verifica abbiamo misurato dell’acqua minerale: l’etichetta sulla bottiglia indica un pH 6.9, la nostra misurazione pH 6.7. Accettabilissima differenza. (foto 11)

La calibrazione, da effettuare periodicamente, è semplice e veloce: accendiamo il tester, premiamo nuovamente il tasto on/off e lo teniamo premuto fino a che sul display compaia la scritta CAL, rilasciamo il tasto e sul display comparirà la scritta : PH7 USE.

A questo punto immergiamo il tester nella apposita bustina di liquido calibrante pH7,comparirà la scritta REC, dopo alcuni secondi il primo punto di calibrazione sarà fissato e comparirà la scritta : PH4 USE.

Estraiamo il tester e lo immergiamo nella bustina di liquido pH4, attendiamo di nuovo alcuni secondi, comparirà di nuovo la scritta REC, quando il secondo punto sarà fissato comparirà la scritta OK sul display e potremo estrarre lo strumento che a questo punto sarà perfettamente tarato (foto da 7 a 10 ).

Nota dolente di questo nel complesso valido strumento è il vano batterie. Per procedere alla sostituzione delle batterie si deve smontare il puntale ed estrarre una piccola slitta che ospita le 4 batterie da 1,5 volts del tipo a bottone. Questa operazione è da eseguire con molta attenzione e delicatezza in quanto andiamo a scollegare e, ovviamente, ricollegare due connettori piuttosto delicati (foto da 12 a 16).

In conclusione: Adwa AD11 è un misuratore del pH  molto valido, le 2 piccole pecche costituite dalla mancanza di una custodia e dalla difficoltà del cambio batterie vengono compensate da un prezzo interessante a da una generale robustezza ed affidabilità.

Ringraziamo www.bioponica.com per il materiale.

Dì la tua!