La scelta della growbox

La scelta della grow box è importante per ottenere buoni risultati nella coltivazione. Ecco quali sono i parametri di cui tenere conto.

scegliere growboxdi Lorenzo “Lollo” Lettini

www.growshopanovara.com

Oggi parleremo dell’acquisto della grow box, ovvero la casa della nostra coltivazione indoor.
Spesso mi viene posta questa domanda: vorrei far crescere e fruttificare delle piante a ciclo annuale ( peperoncini, pomodori, erbe officinali ) ma il mio spazio e’ limitato…
Più piante in uno spazio ristretto possono soffrire e mettere in atto una vera e propria competizione tra loro e tale competizione porterà a una “non crescita” delle piante più deboli geneticamente.
Questo per sottolineare che il benessere anche di una sola pianta coltivata in uno spazio limitato porterà notevoli soddisfazioni a chi la coltiva, e viene da se’ che è preferibile una sola pianta che produca bene piuttosto che cinque piante ammassate in una grow box medio piccola (80×80×160).
Altri fattori sono da tenere presenti: prima di tutto il rapporto tra la potenza del bulbo adottato con lo spazio della grow, con un conseguente surriscaldamento eccessivo e gravi danni alle nostre piante se ad esempio useremo una potenza standard di 400w con un bulbo hps alta pressione o mh in una grow box della tipologia menzionata.

Andando per ordine senza fare passi avventati:

1) Scelta dello spazio adeguato che ospiterà le nostre piante: se avremo uno spazio di circa 120×120×200 non avremo molti problemi e ci lasceremo aperte un’ampia scelta di opzioni, considerando che la metratura della grow è adeguata per adottare bulbi da 250/600 watt.

2) Scegliere la quantità delle piante: considerando che in fase di fruttificazione/fioritura adotteremo vasi indoor da 11,5litri (i più grandi in commercio per l’indoor) e prendendo in considerazione la stessa grow box (120×120…) non riempiremo fino al limite senza lasciare spazio tra una e l’altra perchè andremmo ad innescare il fenomeno di competizione ma potremo alloggiare tranquillamente 6/7 vasi da fioritura.

3) Rapporto potenza/quantità piante: considerando che una lampada al sodio da 600w ha una determinata capacità di produzione non potremo certo pensare di mettere una quantità di piante eccessiva, essendo la produzione unitaria inversamente proporzionale al numero delle piante (piu’ piante=meno produzione unitaria, meno piante=raccolto più copioso su ogni pianta).
E’ sempre meglio non eccedere e avere una produzione più mirata su pochi soggetti piuttosto che avere un sacco di piante tutte foglie e niente frutti!

4) Rapporto potenza/spazio/numero piante: se il vostro impianto è di potenza limitata (esempio 250watt con bulbo al sodio) e il vostro spazio rimane invariato rispetto a quello menzionato, avremo più agibilità, più spazio per le nostre piante ma la produzione sarà sempre e comunque vincolata alla potenza.

Alcuni esempi:

grow box di dimensioni piccole ( 70×70x140h/80×80x160h): lampade consigliate: 150/250w sodio, 200/300w fluorescenti.

grow box medie (80×80x180h o 160h): 250/400w al sodio o 2 lampade fluorescenti da 150/200watt.

grow box medio/grandi (100×100×200): lampade al sodio da 400w o 2 lampade fluorescenti da 200w

grow box grandi (120×120x200h): lampade al sodio da 600watt, 2 da 400watt con riflettore doppio

grow box doppie (240×120x200h): doppia lampada al sodio da 600w

Vantaggi grow box materiale PVC e struttura in alluminio rispetto a una grow autocostruita in legno:

-leggerezza (facile da spostare, pulire e smontare)

-struttura indeformabile (le grow in legno autocostruite spesso subiscono una deformazione della struttura dovuta all’umidità)

-chiusure ermetiche con zip e “doppio velcro”, per evitare fughe di luce o indesiderate interruzzioni delle ore di buio.

-attacchi per riflettore, filtri odore, estrattori già predisposti

-riflessione interna già esistente (argento o bianco)

-ambiente più asettico rispetto rispetto alle grow in legno

3 Comments on this Post

  1. pier paolo

    salve, io cercavo una grow box, ma completa, un prodotto diciamo di design, che non sembri un modile da garage, potete aiutarmi?
    vi ringrazio e…verdi saluti!

  2. ciao,
    per esigenze pratiche le growbox sono dotate di poco appeal sotto il profilo del design. Si tratta di scatole di coltura dopotutto.
    In Italia non ho mai visto prodotti particolarmente assimilabili ad un armadio o ad un mobile che metteresti in salotto, ma puoi ricercare (se hai molti soldi da spendere) all’estero con la chiave ‘grow cabinet’ (e non growbox) oppure ‘grow armoir’.

    Si tratta quasi sempre di soluzioni molto ridotte in termini di spazi e assolutamente dispendiose, ma se hai un po’ di pratica col bricolage puoi trovare interessanti progetti fatti in casa.

    Ecco comunque un paio di indirizzi dove dare un’occhiata:
    http://www.dealzer.com/servlet/StoreFront
    http://www.unbeatablesale.com/snlt006.html?mr:referralID=c30e2285-2ea2-11e0-b827-001b2166c62d
    http://hg-hydroponics-blog.co.uk/?p=191

  3. Simply desire to say your article is as surprising. The clearness to your publish is simply nice and that i could think you’re knowledgeable in this subject. Fine along with your permission allow me to grasp your feed to stay up to date with approaching post. Thanks one million and please continue the gratifying work.

Dì la tua!