Terza edizione del festival delle rose

si riconferma anche per quest’anno il Festival delle Rose, l’appuntamento dei Musei Mazzucchelli dedicato al fiore più amato.
Nella suggestiva cornice settecentesca a Ciliverghe di Mazzano, in provincia di Brescia, sabato 13 e domenica 14 giugno si terrà la colorata mostra-mercato dedicata alla Rosa e alle sue originarie ibridazioni.

Dopo il grande successo dell’edizione 2008, che ha registrato la presenza di circa 6000 visitatori, si riconferma anche per quest’anno il Festival delle Rose, l’appuntamento dei Musei Mazzucchelli* dedicato al fiore più amato.
Nella suggestiva cornice settecentesca a Ciliverghe di Mazzano, in provincia di Brescia, sabato 13 e domenica 14 giugno si terrà la colorata mostra-mercato dedicata alla Rosa e alle sue originarie ibridazioni.
In vendita nei cortili, centinaia di esemplari di rose, raggruppate per ‘eccezionalità’: dalle più premiate alle più vendute, dalle più vigorose alle più arrampicatrici, alle più profumate; ma non solo, dalle più antiche a quelle più diffuse nei vecchi giardini, dalle più variegate alle più ‘setose’ da accarezzare, a quelle per ottenere le più belle bacche da recidere…

Ad arricchire l’appuntamento – promosso dai Musei Mazzucchelli e dal Comune di Mazzano, in collaborazione con il Castello Quistini di Rovato e con il Patrocinio di FAI, Regione Lombardia, Provincia e Camera di Commercio di Brescia  – una serie di eventi collaterali con la Rosa per protagonista, che animeranno sale, cortili, giardini della splendida sede neopalladiana.

A partire dalla personale di Verdiano Marzi, maestro dell’arte del mosaico nato a Ravenna, dal 1973 trasferitosi in Francia, dove insegna la tecnica musiva al Museo del Louvre. La mostra, dal titolo “Costellazioni di tessere”, inaugurata in occasione del Festival, sarà ospitata all’interno del Museo della Moda e del Costume fino al 31 gennaio 2010. L’allestimento, concepito nell’ambito dell’anno internazionale dell’astronomia, trae ispirazione dall’influenza che gli astri esercitano sulla vita della Rosa, con un percorso che parte dalla mitologia (I sala), arriva alla spettacolare e articolata installazione della II sala con tre grandi sculture-boccioli di rosa in dialogo con le quattro stagioni e l’eclissi solare, in un gioco di riflessi costruito con vasche di acqua e specchi, per chiudersi nella III sala con sculture, opere su carta, schizzi ed elaborati grafici in tema.
Da segnalare anche la mostra di Caterina Borghi, l’artista e stilista di moda femminile nata a Pistello (MN), che in occasione del Festival propone – nella III galleria ovest dei Musei – una versione fiabesca, ironica, ludica della vita, con opere che hanno il fiore della Rosa come punto di partenza, il colore rosa come ulteriore momento creativo, il mondo fiabesco e la dimensione ‘rosa’ come attuale scenario di indagine.

Rinnovati anche gli appuntamenti per il pubblico volti ad incontrare gli operatori di settore: entrambi i giorni si terranno infatti, due workshop, su prenotazione, curati dal Castello Quistini, dedicati rispettivamente a “La potatura delle rose” (ore 15.00) e a “Progettare i giardini” (ore 17.00).

A corredare la ricca proposta, nella galleria principale, laboratori creativi per bambini – dalle 11.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 19.00 con ingresso gratuito – da sempre al centro delle attività museali, con materiali gentilmente messi a disposizione da Bisazza; vendita di libri specializzati, prodotti di profumeria e cosmesi, vini, té e tante altre sorprese, interamente dedicate al mondo della Rosa e alle sue molteplici sfaccettature.

Infine, sabato 13 giugno alle ore 20.30 l’Orchestra Sinfonica Italiana diretta da Marco Daniele Tirilli eseguirà il Requiem di Mozart, concerto organizzato in occasione del decennale della scomparsa di Franca Meo, poetessa e scrittrice che nel 1994 ha contribuito alla nascita della Fondazione Giacomini Meo-Fiorot e nel 1996 all’apertura del Museo della Donna e del Bambino, oggi denominato Museo della Moda e del Costume.

Informazioni          Musei Mazzucchelli, tel. 030 212421 – www.museimazzucchelli.it
Ingresso                 5 euro – 3 euro ai residenti di Mazzano e ai soci FAI – Fondo per l’Ambiente Italiano
workshop 3 euro, su prenotazione – concerto gratuito
punto ristoro F.lli Zucchi
Orari                       dalle 10.00 alle 20.00
Ufficio stampa       MERIGHI COMUNICAZIONE – Tel. 045 8013546 – Fax 045 8019820

*denominazioni corrette: Fondazione Giacomini Meo Fiorot o semplicemente Musei Mazzucchelli.
Si prega di non utilizzare Villa Mazzucchelli, in quanto indica, oltre al polo museale, anche un’abitazione privata

Dì la tua!